Il mondo del copywriting è sempre in continua evoluzione.

Recentemente è nata una nuova disciplina in ambito user experience, chiamata UX Writing.

La gioia derivante dal persuadere le persone ad attivarsi usando un semplice copy (testo) è ciò che gli scrittori e gli uomini d’affari desiderano ardentemente, qualcosa che si può produrre solamente attraverso la sintesi unica di arte e scienza che non si trova in nessun’altra forma di scrittura.

Ma perché conoscere la UX writing è importante per diventare UX designer?

Il motivo è semplice.

Il testo che presenti ai tuoi utenti ha il potenziale per lanciare la tua app alle stelle o mandarla dritta nel dimenticatoio.

Hai mai visto un sito che sembrava promettente fino a quando non hai iniziato a leggerne il testo?

Forse non era molto ispirante, o addirittura era costellato di errori grammaticali e di battitura che lo facevano sembrare superficiale e poco professionale.

La ragione non è importante, ma la tua poca (o nessuna) soddisfazione in quel copy ha preso la precedenza su qualunque altra buona intenzione potevi avere sul design, layout o prodotto stesso.

UX Writing: Cos’è un buon copy?

Quando si parla di scrittura non ci sono regole fisse, e il copywriting o UX writing non fa eccezione.

Ogni copy sarà diversa, basata su tecniche differenti e con prospettive diverse.

La cosa importante, comunque, è il risultato: un buon UX writer terrà gli utenti incollati allo schermo, a leggere i tuoi contenuti e volerne leggere sempre di più.

Se ogni frase è meno incisiva e originale della precedente, gli utenti salteranno intere parti di contenuto importanti o, nei casi peggiori, lasceranno direttamente il sito.

Devi dare un incentivo. Devi motivare. Gli utenti (o almeno la maggior parte di essi) non possono farlo da soli!

Gli ottimi copy dovrebbero fare quattro cose:

  • Agganciare i lettori con titoli accattivanti;
  • Tenere viva l’attenzione con incentivi immediati e convincenti;
  • Continuare a soddisfare le loro aspettative con altri copy;
  • Verificare tali aspettative con prove concrete e idee.

Un buon copywriter o UX writer può far credere all’utenza qualsiasi cosa: nel mondo del business e del marketing, questo si traduce in vendite.

Vuoi che il copy sul tuo sito/app convinca gli utenti, oltre ogni ragionevole dubbio, che il prodotto che cercano sia proprio questo.

Questo e nessun altro!

Un buon copy dev’essere:

  • Semplice;
  • Chiaro;
  • Conciso;
  • Informale;
  • Far passare il messaggio.

UX Writing: i legami con la user experience

UX writing

Facciamo un tuffo nel vasto oceano del UX writing dando uno sguardo ai vari elementi che lo costituiscono.

Nell’attuale mondo digitale non basta più saper scrivere bene ed in modo persuasivo, ma è necessario che le parole siano adeguate al contesto e soprattutto che siano incastonate perfettamente in un processo che abbia l’esperienza dell’utente finale come prioritaria.

Il fine è quello di dialogare meglio con le persone, trovando un tono comunicativo adatto per indirizzarlo verso l’obiettivo desiderato.

Da questa esigenza è nata qualche anno fa la figura dell’ux writer.

L’ux writer si occupa di scrivere tutti i microcopy (termine mutuato dall’inglese e che potremmo tradurre con microtesti) che vedi comparire nelle app o siti web e a cui di norma prestiamo poca attenzione, ma che hanno un grande impatto nella User Experience, avendo il compito di aiutare l’utente a compiere una determinata azione nel modo più efficace possibile.

UX writing: Cosa sono i microcopy?

Sono le parole presenti nell’interfaccia della piattaforma utilizzata (app/servizio/sito web) e che servono a:

  1. motivare l’utente prima dell’azione: (ad esempio portandolo a cliccare sul tasto acquista)
  2. fornire istruzioni su come effettuare l’azione: (supportarlo nella compilazione del form di acquisto)
  3. dare il feedback successivo all’azione: (ringraziarlo dell’acquisto ed informarlo sugli step successivi).

Chi è lo UX Writer

“Chi è” e “che cosa fa” l’User Experience writer (o più comunemente Ux writer) sono domande sempre più frequenti.

Si tratta di una figura professionale in grado di dare forma all’esperienze dell’utente, accompagnandolo con le giuste parole nella navigazione, con lo scopo di aiutarlo a completare un’azione.

Come descritto in precedenza, l’Ux writer combina il copywriting, l’arte di scrivere testi persuasivi per scopi pubblicitari, alla User experience, ovvero l’esperienza d’uso dell’utente che si ritrova ad utilizzare un determinato servizio o prodotto.

In questo modo il testo ha l’obiettivo di semplificare e guidare le azioni delle persone, aumentare l’esperienza d’uso, aggiungere personalità e forza al brand, ridurre “l’attrito” che si può verificare nella compilazione di form o moduli noiosi accompagnando l’utente con semplicità e leggerezza verso l’azione finale desiderata.

L’ux writer deve essere in grado da un lato di mettersi nei panni dell’utenza a cui sta inviando il messaggio e dall’altro di veicolare la voce del brand per cui sta lavorando e più nello specifico:

  • Deve sapere comunicare con un lessico user friendly ed adeguato al target al quale si rivolge.
  • Deve rafforzare la percezione del brand per il quale lavora attraverso i testi che scrive
  • Deve scrivere tenendo in considerazione il mondo dell’utente, i suoi pensieri e le sue emozioni

Cosa fa lo UX Writer

UX writing

L’UX writer inizia il proprio lavoro effettuando una ricerca sugli utenti che utilizzeranno un dato servizio/prodotto/app/processo, quest’ultima è volta a capire le loro esigenze ed il linguaggio utilizzato. Prosegue “traducendo” i microtesti nella lingua dell’utente finale ed infine effettua continui a/b test alla ricerca del modo migliore per aiutare gli utenti ad interagire con il flusso digitale pensato per loro.

Di seguito riepiloghiamo i principali obiettivi dell’ux writer:

  • Guidare l’utente: lo fa attraverso la scrittura transazionale, ovvero attraverso quelle piccole componenti di testo che fungono da suggerimenti o istruzioni, come pulsanti, moduli di contatto, faq, pagine 404, menu, call to action, etichette, messaggi di errore, procedure guidate.
    Questi microtesti non hanno come fine quello di farsi notare, ma di aiutare e guidare l’utente nell’effettuare l’azione desiderata, in modo da creare un’esperienza continua e senza intoppi.
    Nel lavoro dell’Ux writer è inoltre molto importante riuscire a capire in quale punto l’esperienza di navigazione dell’utente si blocca e capire perché ciò avviene, ponendovi rimedio.
  • Suscitare emozioni positive e coinvolgere l’utente: ovvero scrivere in modo “colorato” e creativo, col fine di suscitare un’emozione nell’utente finale e al tempo stesso di coinvolgerlo nel flusso digitale. L’ux writer scriverà in modo da rendere dei testi di per sé “freddi”, quali ad esempio quelli per la conferma della privacy in una newsletter o form contenenti dati, addirittura divertenti o comunque originali.
  • Differenziare il proprio brand dai competitor: tramite il microcopy l’ux writer veicola l’impronta ed il “tono di voce” del brand, permettendone così una differenziazione rispetto ai competitor, al fine di sottolinearne la propria unicità ed il proprio stile. L’Ux writer quindi ha il compito di scrivere in modo efficace e persuasivo affinchè l’utente compia le azioni desiderate, dando al contempo una personalità ed uno stile unico e riconoscibile a tutto il flusso.
  • Ricerche sull’utente: l’Ux writer svolge ricerche sul target di utenza al quale si rivolge e modula i testi in funzione del linguaggio del proprio target.
  • Testare continuamente: oltre allo studio iniziale del pubblico l’Ux writer effettuerà continui A/B test sugli utenti con lo scopo di migliorare i microtesti e scegliere quelli che permettono un miglioramento dell’user experience.

Quali sono le skills fondamentali nel lavoro dell’UX writer? 

L’ UX writer è oramai una figura professionale emergente e fortemente richiesta dal mondo del lavoro ma le competenze che ti aiuteranno molto in questo mestiere sono principalmente 3:

  • Saper lavorare in Team: collaborare con altre figure professionali, anche molto diverse tra loro, come designer, sviluppatori web, professionisti del marketing è il pane quotidiano dell’Ux writer.
  • Conoscere l’inglese (o comunque altre lingue): una discreta cultura di base, unita alla conoscenza dell’inglese o di altre lingue è molto utile, in quanto alcuni testi andranno tradotti o adattati.
  • Mettere l’utente al centro di tutto: l’UX writer deve mettersi completamente nei panni dell’utente e curare ogni dettaglio possibile, tenendo prioritariamente conto del target al quale si rivolge.

Conclusioni:

Un buon Ux writer dovrà padroneggiare un mix di competenze quali:

  • conoscenza di fondamenti di psicologia di base
  • capacità di narrare
  • abilità nella scrittura
  • comprensione dei principi legati alla user experience
  • Capacità di testing
  • capacità di lavoro in team

Abbiamo quindi compreso che l’ux writer non è solo un copywriter che scrive microtesti, ma, come abbiamo visto, molto di più e ciò spiega il motivo per cui questa figura sia sempre più ricercata nel mondo del lavoro.

Risorse Extra

Per avere tanti altri contenuti come questo: